ISEE 2024

Nov, 2023 | ISEE

Nov, 2023

PRENOTAZIONI APERTE ISEE 2024

Noi del Caf Cisl quest’anno cominciamo in anticipo con la preparazione della campagna ISEE 2024. Perché così presto?

Vogliamo dare ai nostri utenti maggior tempo per recuperare la documentazione necessaria ed evitare gli effetti della piccola rivoluzione che ha colpito un aspetto fondamentale, quello della gratuità, che ha da sempre caratterizzato questo tipo di pratica.

Come ben noto, fino a fine Settembre, tale gratuità è stata possibile perché era previsto che l’Inps rimborsasse ai singoli Caf tutte le pratiche effettuate. Dal 1° Ottobre l’Inps, non erogando più il pagamento, ha autorizzato i Caf a istituire il pagamento delle DSU successive alla prima (presentate nello stesso anno e per lo stesso nucleo familiare).

Noi del CAF CISL abbiamo fatto una scelta diversa perché non vogliamo che questo cambiamento improvviso ricada sulle famiglie che hanno bisogno dell’Isee, in un periodo già segnato dagli aumenti di tutte le spese. E’ per questo che abbiamo deciso di non chiedere alcun compenso fino a fine anno.

Da Gennaio 2024 invece vi daremo il massimo del nostro supporto affinché possiate procurarvi tutta la documentazione necessaria alla terminazione della pratica senza andare incontro a difformità e, quindi, all’obbligatorietà di presentare delle integrazioni successive che saranno a pagamento.


DOCUMENTI NECESSARI

Ecco quindi che preparare con cura i documenti, quest’anno, è ancora più importante.

Per l’ISEE 2024, infatti, l’anno di riferimento sarà il 2022. Fin da ora è quindi possibile cominciare a recuperare e raccogliere la documentazione in attesa dell’apertura dei termini per la domanda.
Possiamo individuare tre grandi categorie (redditi, patrimonio mobiliare e immobiliare) per i quali occorrono i documenti riferiti a tutti i componenti della famiglia.
Sintetizzando i documenti più comuni:

  • per i redditi occorre recuperare denunce dei redditi 2023 (riferite al 2022) e/o le Certificazioni Uniche riferite ai redditi percepiti nel 2022;
  • per il patrimonio mobiliare saldi al 31/12/2022 e giacenze medie 2022 di conti correnti bancari e postali nonché la certificazione del valore di titoli, obbligazioni, azioni, assicurazioni;
  • per il patrimonio immobiliare, visure degli immobili posseduti, valore di terreni edificabili, certificazioni del residuo dei mutui. Infine le targhe dei veicoli.

È fondamentale ricordare che tali documenti devono essere presentati per tutti i componenti del nucleo familiare, non solo per il richiedente. Ufficialmente, ai fini ISEE, per “nucleo familiare” si intende la famiglia anagrafica, cioè “l’insieme di persone che convivono e che sono legate da vincoli di parentela, affinità, tutela, vincoli affettivi o di matrimonio alla data di presentazione della domanda”. Si tratta in sostanza di coloro che risultano dallo stato di famiglia presso il Comune di residenza.
Ci sono però delle eccezioni alla regola della convivenza. La più importante riguarda i figli maggiorenni fino a 26 anni. Anche se non conviventi, continuano a far parte del nucleo ISEE “originario” se non sono coniugati, non hanno figli e sono fiscalmente a carico dei genitori. Per quest’ultimo punto occorre valutare il reddito lordo annuale del figlio maggiorenne: per essere considerato a carico dei genitori non deve superare i 4.000 euro fino ai 24 anni, i 2.840,51 euro da 24 a 26 anni.

ISEE UNIVERSITARIO

L’Isee Università è la certificazione che gli studenti devono presentare quando si iscrivono all’anno accademico per calcolare il pagamento delle tasse universitarie in base alla propria capacità contributiva. Le università suddividono infatti gli studenti in fasce, a ognuna delle quali corrisponde un importo specifico delle tasse. Il documento è necessario anche in fase di richiesta di borse di studio.
Se non si presenta l’attestazione Isee, l’università applicherà l’aliquota massima, quindi chi non deve richiedere agevolazioni non è tenuto a presentare nulla.

Rispetto alla definizione del nucleo familiare, ai fini dell’accesso alle prestazioni per il diritto allo studio universitario, lo studente è considerato autonomo si verificano due condizioni :

lo studente è residente fuori dall’unità abitativa della famiglia di origine da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda di iscrizione per la prima volta a ciascun corso di studi, in alloggio non di proprietà di un suo membro: si deve pertanto verificare se la residenza dello studente è da almeno due anni diversa da quella dei suoi genitori (o più in generale della sua famiglia di origine) e comunque che tale residenza diversa non sia un immobile di proprietà di uno dei membri del nucleo familiare originario;

lo studente presenta un’adeguata capacità di reddito: per valutare l’adeguata capacità di reddito, si deve fare riferimento alle disposizioni dell’università che disciplinano la richiesta della prestazione; al momento in cui si scrive la soglia è fissata a 9.000 euro.  L’adeguata capacità di reddito deve essere riferita, in linea di principio, al singolo studente universitario. Se tuttavia questi è coniugato, la predetta soglia per l’adeguatezza della capacità di reddito deve essere valutata tenendo conto anche dei redditi del coniuge dello studente universitario.

Se si verificano entrambe le condizioni, lo studente è considerato autonomo e non è necessario inserire ulteriori dati.

Lo studente, invece, non è considerato autonomo al fine della richiesta di prestazioni del diritto allo studio universitario nel caso in cui nessuna delle suddette condizioni si sia verificata o se ne sia verificata solo una. In tal caso, lo studente, pur non avendo incluso i genitori nel nucleo familiare per l’Isee ordinario, è da considerarsi come parte del nucleo familiare di essi; cioè è come se, ai fini delle prestazioni per il diritto allo studio universitario, fosse parte costituente del nucleo familiare di origine.


E’ già possibile prendere appuntamento presso le sedi Caf Cisl chiamando al numero 0461-215120 oppure prenotando direttamente da qui.


Clicca qui sotto per visualizzare e scaricare la CHECK-LIST completa dei documenti necessari per ISEE 2024:

Vieni al Caf CISL del Trentino

Il Caf Cisl del Trentino fornisce a iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza personalizzata e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Al Caf Cisl del Trentino troverai persone che conoscono i tuoi problemi e ti aiuteranno ad affrontare i dubbi di carattere fiscale o legati a prestazioni sociali, e a trovare le soluzioni più vantaggiose per te.

Potrebbero Piacerti Anche…

ISEE 2024 – DSU A PAGAMENTO

ISEE 2024 – DSU A PAGAMENTO

A PAGAMENTO LE DSU SUCCESSIVE ALLA PRIMA In seguito alle modifiche introdotte dal decreto legge n.48 del 2023, a...

BONUS VISTA

BONUS VISTA

HAI ACQUISTATO UN PAIO DI OCCHIALI DA VISTA O LENTI A CONTATTO CORRETTIVE? Richiedi il Bonus entro il 31/12/2023 Il...

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
×